Al via Castiglion di Primavera la grande festa del bello e del buono che per tre giorni trasforma il suggestivo borgo di Castiglione della Pescaia (Grosseto) in una vetrina del bello e del buono.

Dal 23 al 25 giugno, ogni sera - a partire dalle ore 18 - in riva a uno dei mari più belli d’Italia, si animerà una singolare mostra mercato capace di offrire un viaggio tra saperi e sapori. Dalla Toscana dello zafferano e della cinta senese alla Sardegna del formaggio, dai tortellini artigianali di Modena per arrivare alla focaccia genovese o alle specialità pugliesi, i golosi avranno di che divertirsi.

Riflettori accesi anche sull’artigianato con gioielli fatti a uncinetto e cappelli realizzati “live”, coltelli dai manici pregiati, borse in cuoio, oggetti in paglia fiorentina e tanto altro.

Divertente la sezione riservata al food track: chi lo vorrà potrà scoprire la birreria ricavata in una roulotte o assaporare una frittura di pesce che viene preparata in una cabina marittima che si muove su 4 ruote.

Particolare attenzione sarà riservata alla terra generosa di Maremma: grande attesa per l’Aperitivo Maremmano che verrà servito ogni pomeriggio dalle ore 19. L’AIS di Grosseto proporrà alcune delle più particolari bollicine che qui vengono vinificate. Oltre al Vermentino si scopriranno Viogner, Chardonnay e Sauvignon Blanc sposando la degustazione a sorprendenti finger food realizzati con prodotti del territorio da abili chef locali. L’Aperitivo Maremmano sarà realizzato anche inversione junior: un divertente laboratorio guidato da uno chef, coinvolgerà i bambini nella sua preparazione.

Eccezionale anche la colonna sonora della manifestazione: saranno le note dell’energica Leggera Electric Folk Band che da anni lavora alla riscoperta della tradizione musicale popolare toscana a creare atmosfere uniche con storie piene di ironia, ma anche capaci di parlare della fatica, della malinconia e della bellezza di questa terra.

CastigliondiPrimavera è su Facebook “Castiglion di Primavera”, e su Instagram CastigliondiPrimavera


Fonte: http://www.ilcittadinoonline.it